Oltre la decorazione,Venezia laboratorio creativo dal passato al presente

Concept: conferenza e mostra ad #AbitareIlTempo dal 24 al 27 Settembre

Per vedere in allegato il concept espositivo clicca qui.

MARMOMACC CON ABITARE IL TEMPO: LA PIETRA NATURALE INCONTRA ARREDO D’INTERNI, DESIGN E CONTRACT

Il primo bimestre 2014 conferma il trend di crescita dell’export dell’industria italiana di marmi e graniti: 249,5 milioni di euro (+5,9%).

Milano, 4 giugno 2014. Un evento fieristico sempre più trasversale, dove il business della pietra naturale dialoga direttamente con il mondo del contract e dell’arredo d’interni. È questa la principale novità della 49ª edizione di Marmomacc, in programma a Veronafiere dal 24 al 27 settembre 2014 (www.marmomacc.com). La più importante manifestazione internazionale dedicata al comparto lapideo, si svolge per la prima volta in contemporanea ad Abitare il Tempo, il salone b2b di Veronafiere per gli operatori del contract, con le migliori proposte di materiali, finiture d’interni e arredo (www.abitareiltempo.com). I due saloni sono stati presentati oggi alla Triennale di Milano dal presidente di Veronafiere, Ettore Riello, dal direttore generale, Giovanni Mantovani, dal presidente di ADI, Luciano Galimberti, dal designer Giuseppe Viganò e dalla storica e critica d’arte, Martina Corgnati. A moderare, il giornalista e conduttore televisivo, Giorgio Tartaro. «La scelta di unire nel calendario le due fiere – ha spiegato il presidente di Veronafiere, Ettore Riello – mette a sistema due eventi che rappresentano eccellenze del manifatturiero made in Italy come marmo e arredo, complementari a livello di filiera. Marmomacc, che nel 2013 ha registrato il 54% degli operatori dall’estero da 143 nazioni, costituisce, inoltre, la piattaforma ideale per sviluppare l’internazionalità di Abitare il Tempo. L’iniziativa, infine, incontra le esigenze degli stessi operatori di Marmomacc 2013, dal momento che, secondo una ricerca, il 68% di quelli italiani e il 56% degli esteri ritengono ormai necessario coinvolgere espositori da nuovi settori». Come ogni anno, a Marmomacc, il comparto della pietra naturale è protagonista assoluto: blocchi, lastre, semi lavorati e prodotti finiti, macchinari, tecnologie e accessori quali abrasivi diamantati e utensili. Un’industria che vede l’Italia quinto paese al mondo per produzione e lavorazione, e che ha continuato a crescere all’estero anche nel 2013, con esportazioni di materiali, soprattutto finiti, che hanno toccato quasi 1,9 miliardi di euro (+6,7%), mentre le tecnologie e le macchine di lavorazione hanno raggiunto i 969 milioni (+10,5%). Un trend positivo confermato anche nel primo bimestre 2014, con le esportazioni complessive nazionali di marmi e graniti finiti e semilavorati, pietre grezze ornamentali e da costruzione, calcare, pietra da gesso, creta e ardesia che hanno totalizzato 249,5 milioni di euro (+5,9%). È per questo che Marmomacc guarda da sempre all’estero per il suo sviluppo e oggi presidia con la rete di eventi internazionali di Marmomacc in The World i più importanti mercati di riferimento per il presente ed il futuro del business: Stati Uniti d’America, Brasile, Penisola Arabica e Nord Africa. «Anche quest’anno abbiamo potenziato la nostra espansione a livello internazionale – ha fatto sapere il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani – consolidando il ruolo di primo polo mondiale della pietra naturale. Oltre ai tradizionali appuntamenti di Marmomacc negli Stati Uniti, in Brasile, Qatar, Arabia Saudita e Marocco, il 2014 vede il debutto in Oman, con un evento focalizzato su interior design, decorazioni e mobili di alta fascia, in Egitto con MS Africa and Middle East-The Marmomacc and Samoter Show, senza dimenticare TISE StoneExpo/Marmomacc Americas che raddoppia la propria presenza nel Nord America a Miami, dopo Las Vegas. A novembre, infine, nello stato di Espirito Santo, nasce anche EXPO Construções, fiera che guarda al promettente mercato brasiliano delle costruzioni». Nella propria missione all’estero, Marmomacc può contare su importanti partner istituzionali come Simest e Sace (in Brasile), oltre a Confindustria Marmomacchine, Hanley Wood Exhibitions, il più grande organizzatore di manifestazioni sull’edilizia degli Stati Uniti, e il Centro Servizi per il Marmo di Volargne, guida del Distretto del Marmo e delle Pietre del Veneto. Uno dei punti di forza di Marmomacc sta nella scelta di coniugare il business al design e alla cultura del prodotto, facendo della manifestazione anche uno dei più importanti momenti di confronto, innovazione e didattica per aziende e professionisti che lavorano con la pietra. Un aspetto ulteriormente rafforzato dalla compresenza, quest’anno, di Abitare il Tempo che rende ancor più immediato e tangibile l’utilizzo della pietra naturale rapportata all’arredo e alle finiture d’interni per il mondo del contract, come hanno sottolineato oggi alla Triennale i relatori. Per Luciano Galimberti «il design ha due anime, una più tecnica e una di narrazione, entrambe ben rappresentate da Marmomacc e Abitare il Tempo». Giuseppe Viganò, invece, ha evidenziato «la necessità di fare cultura e formazione per far apprezzare e far conoscere al grande pubblico le potenzialità del marmo». E proprio alla cultura, i due Saloni di Veronafiere dedicano un intero padiglione, Inside Marmomacc & Abitare il Tempo, con un ricco programma di convegni, laboratori, mostre e installazioni per approfondire gli utilizzi creativi del marmo, con un focus particolare sui progetti dei più famosi architetti iberici. «Oggi la pietra è ancora al centro dell’interesse di artisti e architetti – ha concluso la critica dell’arte Martina Corgnati –, continuando a vivere, grazie alle tecnologie innovative, in forme mai immaginate di cui anche Marmomacc ne è testimonianza». I DATI ECONOMICI NAZIONALI DEL SETTORE MARMO L’Italia è la quinta nazione del mondo per la produzione e la lavorazione di marmi e graniti, dopo Cina, India, Turchia e Brasile. Per l’industria italiana della pietra naturale il 2013 segna il terzo anno di crescita consecutivo. Marmi e graniti made in Italy hanno chiuso l’anno appena trascorso ancora in positivo, forti di un export che ha raggiunto – tra prodotti lavorati e grezzi – quasi 1 miliardo e 900 milioni di euro, con un incremento del 6,7% rispetto al 2012. Il prodotto italiano, finito e semilavorato è sempre più richiesto all’estero nei campi delle costruzioni, dell’interior design e del contract. Continente americano (+18,9%), Paesi dell’Est Europa (+12,1%), Nord Africa (+26,6%), Medio Oriente (+12,9%) fanno registrare aumenti della domanda a doppia cifra (fonte Osservatorio Marmomacc, su dati Istat). Andamento positivo anche per il comparto delle tecnologie. L’export italiano di macchinari per marmi e pietre ha fatturato nel 2013 oltre 700 milioni di euro (+10,8), mentre quello dei beni strumentali, fra cui primeggiano abrasivi e utensili diamantati, ha totalizzato 269 milioni di euro (+10,2%). Performance in crescita anche nel primo bimestre 2014: le esportazioni complessive nazionali di marmi e graniti finiti e semilavorati, pietre grezze ornamentali e da costruzione, calcare, pietra da gesso, creta e ardesia hanno toccato quota 249,5 milioni di euro contro 235,5 milioni di euro dello stesso periodo del 2013 (+5,9%).

Servizio Stampa Veronafiere Tel.: +39.045.829.82.42-82.85 E-mail: [email protected]

INCONTRI B2B E CONFERENZE INTERNAZIONALI: ABITARE IL TEMPO E’ GIA’ PARTITA!

La nuova manifestazione, fortemente orientata all’architettura d’interni e ai progetti su misura, ha già avviato diverse sessioni di incontri B2B riservati alle aziende espositrici, con l’obiettivo di aiutarle a sviluppare contatti commerciali con realtà internazionali del settore. La macchina organizzativa è già in moto: dopo le due giornate di aprile, durante le quali una selezione di aziende italiane ha incontrato cinque tra i più autorevoli architetti del Marocco impegnati nella realizzazione di progetti in ambito residenziale e di contract, il prossimo appuntamento sarà a giugno per due giornate di incontro con contractors provenienti dalla Russia. A seguire, nel corso del mese di luglio, sarà la volta di importanti progettisti che arriveranno dall’India per entrare in contatto con aziende italiane specializzate nell’arredo e nel design d’interni. Abitare il Tempo è inoltre presente alla Design Week di San Pietroburgo a fine maggio e a Mosca a giugno per due appuntamenti con la stampa, due momenti istituzionali per promuovere la manifestazione presso gli operatori del Paese. L’obiettivo è creare una vetrina espositiva concreta e qualificata, un luogo di incontro tra aziende e operatori e, al contempo, una piattaforma dove condividere conoscenze e competenze tecniche utili a costruire relazioni qualificate e sviluppare concrete opportunità di business, non solo nei giorni della manifestazione ma durante tutto l’anno.

WWW.BENFATTO.ORG

Promuovere il saper fare italiano. E’ l’obiettivo di Benfatto, il network dedicato alla casa e all’arredamento sostenibile che unendo competenze differenti come quella della manifattura artigianale e del progetto è in grado di proporre soluzione sartoriali d’interior design di grande qualità. Ad Abitare 100% project, Benfatto presenterà un nuovo percorso di sviluppo che coinvolgendo le migliori realtà artigianali e i designer più creativi ha dato vita a progetti dall’alto potenziale che rispondono ai bisogni dei clienti finali e alle esigenze ambientali. Benfatto è un’opportunità di lavoro per l’artigianato, i progettisti e i punti vendita indipendenti poiché è in grado di realizzare soluzioni d’interni con tempi e costi certi.

THE TREEHOUSE: per la terra tra i rami

Ad ABITARE, condividendo la ricerca culturale di qualità che contraddistingue A.D.I., MQaaSTUDIO&partner presenta la TH46, un prototipo di casa tra i rami unico nel suo genere il cui criterio costruttivo sostenibile ispira ed unisce le Aziende selezionate che la accompagnano ed usano come vetrina dei loro prodotti.
Le Treehouses che MQaaSTUDIO&partner propone rappresentano soluzioni architettoniche originali e personalizzate ambientate tra gli Alberi create per stimolare un più stretto contatto con la natura: spazi minimi costituiti da osservatori sospesi, piattaforme e postazioni contemplative, percorsi tra gli alberi, “small cabin” tra i rami dove sostare, meditare abitare o solo per qualche notte riposare, immersi in un contesto naturale da vivere a diretto contatto, per la terra tra i rami.
MQaaSTUDIO&partner è un Team di architetti impegnati in soluzioni architettoniche dalla forte impronta bioecologica, che opera tra le Dolomiti e il Mare con base nel Primiero, in Trentino orientale.

THE CONCEPT STORE Adriani&Rossi

Stiamo vivendo un lungo momento di crisi strutturale e incertezza che invita al confronto produttori, progettisti, rivenditori e designer spostando le classiche logiche di sviluppo aziendale (sostanzialmente product-oriented) verso modelli di business più orientati alla distribuzione e alle esigenze del cliente finale.
Chi vuole uscire dalla crisi non deve aspettare la ripresa del mercato ma affrontare un nuovo approccio strategico e operativo basato su innovazione, diversificazione, efficienza ed efficacia.
La chiave di successo sarà la persona sia essa cliente, dipendente o fornitore e un’organizzazione aperta, meritocratica capace di far lavorare in team persone con stili competenze e aspettative diverse a partire dal consum-Attore.
Un approccio al mercato di tipo globale che supera la classica dicotomia Italia/estero, produzione /distribuzione definendo un nuovo FORMAT DISTRIBUTIVO come nuovo equilibrio tra produttore /prodotto/brand/ puntovendita/assortimento/insegna/ e il cliente con le sue esigenze.
Il format distributivo è il luogo fisico, virtuale, emozionale in cui il cliente trova risposta ai suoi bisogni unica vera chiave per creare valore e sviluppo per tutta la filiera in futuro in quanto l’unica cosa certa è che si troveranno sempre di più consumatori attenti informati disposti a pagare il giusto per soddisfare una propria esigenza.
Adriani e Rossi che ha sempre progettato e realizzato strumenti di sell in per l’industria (prodotti, foto, cataloghi, stand), e centinaia di concept espositivi per il singolo punto vendita si pone come obiettivo di implementare un’organizzazione per processi client oriented partendo dal sell out del punto vendita (catalogo da spedire al cliente finale, web per il retail, layout e assortimento per il punto vendita utilizzando e realizzando prodotti foto e cataloghi di un network di produttori che sostengono il progetto in maniera flessibile e leggera realizzando un nuovo modello di business che integra informazioni e conoscenze dei diversi soggetti della filiera per sviluppare dinamiche di aggregazione per crescere e competere tra selezionati attori dell’ industria e della distribuzione disponibili a lavorare in rete.
A livello strategico Adriani e Rossi sottolinea l’importanza di avere vision e posizionamento chiari.
in un mercato fortemente polarizzato tra chi cerca il prodotto e il prezzo nella grande distribuzione e chi cerca la soluzione d’interni (progetto+prodotto) del negozio indipendente si propone lo sviluppo di un network efficiente tra industria e distribuzione per la riorganizzazione di punti vendita di progetto mantenendo la propria insegna per vendere realizzazioni sartoriali chiavi in mano ad un cliente informato che chiede una soluzione d’arredo sostenibile con forti elementi distintivi sotto il profilo della funzionalità, del design e del servizio.
Ad Abitare 100% Project, Adriani & Rossi suggerisce un percorso operativo concreto, assortimento, visual, comunicazione e promozione con l’obiettivo di porre molta attenzione a contenuti concreti per il consumatore in grado di alimentare il passaparola.

TEXILE & Co

Texile& co sarà l’evento dedicato al mondo del tessile con l’intento di valorizzare sia il comparto contract che il residential design. Il progetto presenterà il tessile in tutte le sue modalità d’intervento, dagli oggetti ai mobili, dai lampadari ai tendaggi, dalle cornici ai rivestimenti. L’area espositiva prevederà oltre agli stand delle aziende partecipanti anche un’area comune che, attraverso incontri e materiali messi a disposizione dei visitatori, potrà diventare il luogo deputato al dialogo tra aziende e professionisti così da permettere a entrambi di migliorare il proprio business.

TAKE A SEAT

Progettare una seduta è da sempre la più grande sfida dei designer. E è Giulio Cappellini ha scelto per la prossima edizione di Abitare 100% Project questo argomento per dare vita a Take a seat, una straordinaria mostra che racconterà l’evoluzione in termini di stile, comfort e decor di questo oggetto tanto amato dai progettisti. Un percorso tra pezzi storici e progetti contemporanei diventati icone del design anche grazie alla qualità tecnica con cui sono stati realizzati, che presenterà le più importanti aziende del settore, da Poltrona Frau a Moroso, da Fritz Hansen a Zanotta, da Molteni a B&B Italia, da Cassina a Kartell, passando per Tecno.

TABLE & Co

Dedicato all’arte della tavola sarà l’evento Table& co. Questa mostra vedrà protagonisti i brand italiani e internazionali del settore che per l’occasione esporranno le collezioni più significative e di qualità dal punto di vista progettuale e commerciale. Per coinvolgere maggiormente i visitatori, inoltre, saranno allestite delle tavole magistrali, realizzate con i pezzi delle aziende coinvolte nella manifestazione.

SOFT WORLD

La nostra casa è un insieme di ricordi, dove convivono stili diversi, oggetti moderni, antichi, etnici, d’arte o semplici oggetti banali, sistemati secondo il gusto personale di ognuno, compagni di un viaggio lungo una, o piu’ vite. Si crea quella giusta contaminazione tra differenti oggetti e differenti culture, una sorpresa, la scoperta di un dettaglio, un colore, una superficie inaspettata, una composizione di oggetti differenti tra di loro per materiale, epoca o forma, uniti tra di loro senza regole precise, che , messi assieme riescono a provocare un sorriso, una emozione a chi li osserva

Alexandra van der Sande